La percezione dell’HIV oggi

Uno dei compiti principali delle organizzazioni che devono affrontare la sfida posta dall’HIV/AIDS al giorno d’oggi è mantenere viva l’attenzione della gente nei confronti di questa condizione.

Se in passato se ne parlava molto di più e c’era maggiore preoccupazione, oggi molte persone hanno dimenticato la minaccia che può rappresentare. Ma perché?

La “scomparsa” del pericolo

La percezione dellHIV oggi 1 - La percezione dell'HIV oggi

Diverse sono le motivazioni che hanno portato a un calo dell’attenzione nei confronti dell’HIV: la comparsa di nuove malattie, in particolare nell’ultimo periodo, ha spostato l’attenzione pubblica verso altri fronti.

Inoltre, la progressione delle cure e del trattamento per l’AIDS, per quanto importantissime, ha ridotto la sua “pericolosità” agli occhi delle persone comuni.

Per questo motivo è importante muoversi in questa direzione, ricordando il più possibile che la minaccia di questa condizione continua a esistere.

Perché è importante ricordare?

Anche in questo caso, ci sono diverse motivazioni dietro questa importanza: la prima è che la nostra migliore arma, al momento, è ancora la prevenzione.

In mancanza di una vera e propria educazione sessuale nelle scuole, non è affatto raro che i ragazzi e le ragazze non siano affatto informati in materia di MST (malattie sessualmente trasmissibili) e si possano esporre a maggiori rischi di quanto dovrebbero.

La seconda è che la ricerca deve ancora investire tempo, fondi ed energie nell’affrontare questa condizione e se l’attenzione pubblica è completamente spostata in un’altra direzione, può essere difficile raggiungere gli scopi prefissi.

Questa sensibilizzazione deve avvenire in ogni momento possibile: nelle manifestazioni dedicate e tramite chioschi, ma anche con dei banner nei momenti di relax in cui un utente visita il sito di fiducia per distrarsi con del gioco online o leggendo la propria corrispondenza su Internet.

Per fare questo sono necessari fondi, ottenibili solo con la giusta attenzione al problema. il tutto promuovendo l’attenzione e distruggendo gli stereotipi che purtroppo ancora esistono.